Nel giugno 1999, ho avuto un forte dolore ai miei piedi. Ero in vacanza con la mia famiglia e stavo prendendo tanti antidolorifici. avevo problemi a camminare...

 

 

 

Nel giugno 1999, ho avuto un forte dolore ai miei piedi. Ero in vacanza con la mia famiglia e stavo prendendo tanti antidolorifici. avevo problemi a camminare...

Quando sono tornata a casa, ho preso appuntamento con un reumatologo. Mi disse che avevo l'artrite e mi prescrisse dei medicinali. I raggi mostrarono che non c'era niente che non andasse nella cartilagine dell'anca, ma il dolore era insopportabile e gli antidolorifici non facevano effetto.
A settembre sono andata in ospedale per avere una diagnosi. Prima sono andata nel reparto di neurologia dove mi hanno iniettato morfina, anti infiammatori e analgesici. Dopo aver fatto i raggi, andai nel reparto di reumatologia.

Mi nutrivo in molti modi, ma avevo dimenticato di dire ai dottori che la mia urina diventava scura quando era a contatto con l' aria. quando l' ho detto al reumatologo, mi ha dato un contenitore per urine. Il giorno seguente, l' urina era scura e l' hanno mandata ad un laboratorio specializzato; ecco quando mi hanno detto che avevo l' ocronosi.
Erano molto gentili, il reumatologo mi spiegò che il legamento doveva essere rimpiazzato quando la cartilagine si fosse logorata. L’anca mi ha fatto molto male a gennaio del 2000 e ho fatto una nuova radiografia che ha mostrato che i legamenti erano scomparsi. l' osso si sfregava contro l' altro osso e mi faceva molto male.

Presi un appuntamento d'emergenza con il chirurgo. Mi disse che aveva appena operato il ginocchio di un uomo di 60 anni, che era stato operato ad entrambe le anche quando aveva la mia età, 46 o 47 anni. Quindi sostituirono entrambe le mie anche il 18 aprile 2000 e dopo un pò di fisioterapia, aquagym, escursionismo ed esercizio fisico stavo meglio.

Ricordo di aver sentito male al piede sinistro, ma ora sto bene. Faccio ginnastica una volta alla settimana per un'ora, faccio aquagym con il mio fisioterapista e cammino molto. Quando rimango seduta di fronte al computer mi fanno male il fondoschiena e i piedi e ho bisogno di muovermi. Inoltre, bevo due litri d'acqua per evitare problemi ai reni.
Dopo l'operazione volevo perdere alcuni chili e ne persi 6. Le mie giunture stanno molto meglio da quando ho perso quei chili. Non seguo alcuna dieta particolare, ma a cena mangio molta frutta (che non è ricca di fenilalanina o tirosina) e solo un certo tipo di cibo ad alto contenuto di amido o comunque con poche calorie. Prima di andare a letto, invece di prendere degli antidolorifici, faccio un bagno caldo o una doccia e riesco a dormire molto bene e vorrei che durasse per sempre.